Associazione Cacciatori Veneti

Mondo venatorio

Associazione venatoria italiana

Associazione Cacciatori Veneti Cani e Caccia

Caccia e pesca

Fucili doppiette sovrapposti

Associazione Regionale Provinciale Ultime Notizie Newsletter Notiziario Veneto Caccia Comunicati Stampa Leggi e Delibere Sentenze Stampati

SENTENZE

L' icona a destra del titolo del comunicato in oggetto indica
la presenza di un file allegato. Un click per visualizzare/scaricare il file.

• TAR del Lazio
22.10.2007 • Il TAR del Lazio respinge il ricorso della lega per l’abolizione della caccia e conferma la validità della nomina dell’on.Sergio Berlato nel Consiglio di Amministrazione dell’I.N.F.S.
Sentenza TAR Lazio a conferma validità nomina on.Sergio Berlato nel CDA INFS.pdf (313Kb)
15.04.2007 • Il Tar del Lazio accoglie il ricorso contro l'utilizzo dei collari elettrici
In data 11 aprile con ordinanza n. 1652/2007 il Tar del Lazio sospende l'art 4 dell'ordinanza del 12-12-2006 del Ministro della Salute Turco che vietava l'utilizzo dei collari elettrici sui cani  
ordinanza TAR 1652-2007.pdf (8Kb)
06.03.2007 • Il TAR del Lazio respinge il ricorso presentato da Federcaccia, Enalcaccia, Arcicaccia e Italcaccia contro il riconoscimento nazionale della Confavi
Sentenza TAR Lazio Fidc Enalcaccia Arcicaccia Italcaccia.pdf (86Kb)
06.03.2007 • La CONFAVI vince il ricorso al TAR del Lazio presentato dall'Enalcaccia
Sentenza TAR Lazio Enalcaccia.pdf (86Kb)
 
• Procura
19.05.2005 • Ricorso accolto contro verbale per violazione art.30 lettera H

Un nostro associato si era recato a caccia nel comune di Bondeno (FE) allorquando, mentre si aggingeva a montare il capanno con la vicina autovettura è stato contravvenzionato perchè il suo fucile poteva contenere più colpi del consentito nel serbatoio. Inutilmente il cacciatore ha spiegato ai verbalizzanti che al momento della caccia avrebbe potuto montare il fermo e che "non era in caccia perchè stava montando il capanno" . Il  verbale gli è stato elevato per violazione art. 30 lettera H legge 157/92 per caccia con mezzi non consentiti e contestuale sequestro dell'arma. Il cacciatore ha quindi proposto reclamo al Tribunale del riesame di Ferrara avverso al convalida del sequestro del fucile ottenendo un primo annullamento cui ha fatto seguito l'archiviazione del caso da parte della Procura, che ha ritenuto condivisibili le argomentazioni del difensore con particolare riferimento al fatto che il cacciatore non si trovasse, al momento dell'intervento delle forze dell'ordine,in vero e proprio atteggiamento di caccia.   Avvocato difenzore Zocca Alessandro Vicenza  

 
• Corte di Giustizia Europea
12.11.2010 • SENTENZA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA SU CACCIA IN DEROGA
SENTENZA DELLA CORTE.pdf (76Kb)
09.06.2006 • Sentenza della Corte Europea su deroghe
Dichiarazione della seconda sezione corte di Giustizia europea sul ricorso presentato dal WWF ed altri contro la legge della caccia in deroga in Lombardia 
Sentenza della Corte europea '8 giugno 2006.pdf (68Kb)
25.11.2005 • SENTENZA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA
SENTENZA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELLE COMUNITA’ EUROPEE: L’APPLICAZIONE DEL REGIME DI DEROGA DA PARTE DELL’ITALIA E’ PIENAMENTE LEGITTIMA
sc_giustizia.pdf (30Kb)
 
• Tribunale Sezione Penale
02.04.2006 • Condanna Penale per violazione art. 18 e 30 lettera H
Condanna penale per l'abbattimento di 3 fringuelli in più rispetto ai 5 massimi consentiti dalla legge regionale per la caccia in deroga
Sentenza Gugole.pdf (894Kb)
06.12.2005 • Assolto per violazione art. 18 e 30 lettera H

Un nostro associato veniva verbalizzato dagli agenti del Corpo Forestale dello Stato per aver abbattuto, al momento del controllo, n. 8 peppole e quindi emettevano il verbale contestando il reato penale per aver abbattuto più di 5 fringillidi e procedevano al sequestro del fucile. A seguito del ricorso presentato, il giudice accoglieva le richieste dell'avvocato difensore ordinando il dissequestro del fucile e delle peppole. Avvocato difensore Zocca Alessandro di Vicenza

ricordo Paiusco.pdf (307Kb)
 
• Tribunale Amministrativo Regionale
05.06.2007 • Il TAR del Veneto con sentenza N.1497/07 respinge il ricorso della LIPU sul controllo dei tesserini regionali dei cacciatori di Verona

La sentenza stabilisce in maniera inequivocabile che l'azione delle guardie volontarie , come previsto dai compiti a loro assegnate dalla legge, si esaurisce sul campo tramite le attività ispettive loro concesse. Inoltre gli eventuali controlli dei tesserini non riguardano affatto nè l'ambiente, nè la natura, nè la fauna ma bensì la veridicità di quanto dichiarato dai titolari il cui controllo spetta ad altri poteri dello Stato.  

SEntenza del Tar Veneto contro LIPU.pdf (13Kb)
07.10.2006 • Il TAR del Lazio annulla il Decreto Ministeriale che vietava l'uso del collare elettrico
sentenza collari per cani.pdf (44Kb)
 
• Consiglio di stato
23.11.2007 • Il Consiglio di Stato conferma la sentenza del TAR bocciando le delibere e i decreti della Giunta Regionale che avevano chiuso i "corridoi" di caccia
Ordinanza del Consiglio di Stato.pdf (50Kb)
17.09.2005 • Il Consiglio di Stato accetta il ricorso presentato dalla Regione Veneto , tramite all'Assessore della caccia Sergio Berlato, nel 1998

Il consiglio di Stato dà ragione all'allora assessore della caccia Sergio Berlato e accoglie il ricorso presentato attraverso la Regione Veneto nel 1998. La delibera , poi bocciata dal TAR, emanata dalla Regione Veneto che precisava che nè le province nè i comitati direttivi degli ambiti potevano modificare ciò che era stabilito nel piano faunistico venatorio  e nel calendario venatorio è stata dichiarata legittima. Diventando immediatamente esecutiva la sentenza, la Regione Veneto ha già provveduto ad emettere la delibera di recepimento della stessa pubblicata nel sito nello spazio riservato alle leggi 

 

sentenza Consiglio di Stato caccia.pdf (73Kb)
 
• Corte Suprema di Cassazione
17.11.2008 • Sentenza di assoluzione per il possesso di selvaggina protetta per la quale non è stato provato l'abbattimento da parte dell'accusato.

 

sentenza cassazione.pdf (102Kb)
02.07.2007 • La Corte Suprema di Cassazione stabilisce che gli agenti volontari delle associazioni venatorie o ambientali non possono eseguire sequestri

Stralcio della Sentenza emessa stata emessa dalla Corte Suprema di Cassazione in data 27/02/2007 riguardo la qualità di Polizia Giudiziaria delle Guardie Giurate Volontarie riconosciute ai sensi della Legge Quadro nr. 157 del 1992.


".... consegue, pertanto, alla luce della disciplina normativa sopra evidenziata, che alle Guardie Volontarie delle Associazioni Venatorie e di Protezione Ambientale non spetta la qualifica di Agenti di Polizia Giudiziaria per il fatto che alle stesse è affidata la vigilanza sull'applicazione della Legge nr. 157/1992. Parimenti, non può attribuirsi la qualifica di Agente di Polizia Giudiziaria alle citate Guardie Volontarie per il fatto che le stesse, nell'ambito dei poteri di vigilanza sopra elencati, possono prendere notizia dei reati attinenti all'attività venatoria.

 

.......... Orbene, alle Guardie Volontarie delle Associazioni di Protezione dell'Ambiente (come il WWF) non risulta riconosciutala qualifica di Polizia Giudiziaria nè dalla Legge 157/92 nè da altra normativa speciale.


In conclusione và affermato che le Guardie Volontarie del WWF non sono Agenti o Ufficiali di P.G. (conformi : Cass. Sez. III, n. 4408 del 16/02/97, rv 209862; Cass. Sez. III, n. 1519 del 27/03/96, rv. 205449; Cass. Sez. III, n. 613 del 27/02/1995, rv. 201998; Cass. Sez. V, n. 4898 del 23/05/97, rv. 207896; contra : Cass. Sez. III, n. 6454 del 2006 rv. 233561).

Stante la mancanza della qualifica di Agente o Ufficiale di P.G. nei confronti delle Guardie Volontarie che hanno operato in concreto il sequestro probatorio, consegue la illeggittimità dello stesso, perchè eseguito in violazione delle norme di cui agli Artt. 354, 355 cpp. ......"

Questo è quanto ha statuito la III Sezione Penale della Suprema Corte presieduta dal Dott. Guido DE MAIO - Relatore Dott. Mario GENTILE - P.M. Dott. Vincenzo GERACI - Imputato Costantino ZANOLA nella Camera di Consiglio del 27/02/2007 con la Sentenza nr. 15074/07 depositata in Cancelleria il 13/04/2007.


La vicenda riguardava un sequestro probatorio di due fucili utilizzati per l'esercizio di attività venatoria illecita in danno di fauna protetta fatto in data 23/09/2006 da tre Guardie Giurate del WWF, ritualmente convalidato dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Brescia il successivo 25/09/2006.


Il provvedimento di sequestro, in seguito al ricorso del trasgressore, in data 20/11/2006 era stato confermato dal Tribunale del Riesame di Brescia, ritenendo che le Guardie che avevano operato il sequestro de quo rivestivano la qualifica di Agenti di P.G.

 
 
• TAR del Veneto
08.08.2012 • REVOCA DEL DECRETO DI SOSPENSIONE DEL CALENDARIO VENATORIO
Revoca del decreto di sospensione del calendario venatorio.pdf (880Kb)
23.12.2009 • ORDINANZA TAR DEL VENETO SU RICORSO LAC
ORDINANZA TAR DEL VENETO SU RICORSO LAC.pdf (173Kb)
18.12.2009 • Ordinanza TAR del Veneto che respinge l' istanza presentata dalla LAC sugli impianti di cattura per il rifornimento dei richiami vivi
ordinanza TAR Veneto impianti di cattura.pdf (115Kb)
08.11.2007 • Sentenza Valle Cornio
Sentenza valle Cornio.pdf (64Kb)
09.10.2007 • Il TAR del Veneto smentisce il Presidente Galan e ripristina i corridoi
Il TAR del Veneto smentisce il Presidente Galan e ripristina i corridoi.pdf (2426Kb)
 
 
TESSERAMENTO 2017
Mercatino
Iscriviti alla NewsLetter
ACV Forum
Le ricette del carniere
ACV Gallery FOTO e VIDEO
Cerca Nel Sito
Mappa Del Sito
Links Utili

 

Visita i siti di:
Sergio Berlato





 
Associazione Cacciatori Veneti
Associazione Cacciatori Veneti
Via Francesco Foscari, 8 - 36016 Thiene (Vicenza) - P. Iva 93001850242
Tel. 0445 367864   Fax. 0445 379119   info@associazionecacciatoriveneti.it  |  Cookies Policy
Created by
WildWeb